martedì 20 aprile 2010

Come al solito

Altro giro, altro regalo. Il caminetto con perlinato e carta da parati. La pineta veloce dove la traiettoria in uscita dalla curva finiva solo dove la gravità non permetteva più di salire in un imperiale wall-ride naturale. Da inghiottire tutto di un fiato. E la cresta ripida che scende accanto ai ruderi del castello di Corniolino, sotto allle nubi di una minacciosa quanto avventurosa piovuta primaverile. Grazie Romagna, come al solito ci incanti.

4 commenti:

  1. da dove siete partiti arrivati?

    RispondiElimina
  2. partiti e arrivati da Santa Sofia

    RispondiElimina
  3. allora, grannizzimo baztardo, mi piacerebbe sapere che giro avete fatto, me lo descrivi?
    ciao r.

    RispondiElimina