lunedì 2 novembre 2009

Nientemeno è una bella parola

Questa mattina mi sono alzato nientemeno che alle 7. E sono andato a letto nientemeno che a mezzanotte. In pratica non significa niente. Nientemeno.
Comunque, il punto è che raccontare una storia serve a collegare due punti tra i quali spesso non c’è la famosa retta di euclide, ma c’è invece il nulla. Le storie di bicicletta, di pedali e ancor peggio quelle di mountain bike, non si addicono però alla storiografia e neppure alla cronoca. Per loro serve la mitologia. Quella di golia alto 6 cubiti e un palmo, ossia 3 metri. O di Icaro che vola vicino al sole. Con delle ali di cera. Ma per piacere!
Insomma la mitologia si addice alla mtb, come alla caccia e alla pesca, d’altra parte. Mio padre era un cacciatore: non l’ho mai sentito dire la verità. Ma chissenefrega, no? Mica c’è in palio una medaglia. Penso che la verità sia sopravvalutata. Soprattutto dalla mia amica eleonora. Che però ha delle bellissime gambe. Arrivo agli appuntamenti sempre per primo. Sempre in anticipo. Questa mattina, aspettando Tommaso, Edoardo e Nicolò ho fatto a tempo a montare ruota anteriore e posteriore della bici, oliare la catena, vestirmi, comprare il giornale, fare la pipì al bar, prendere il caffè al tavolo, leggere le prime righe di un editoriale di cui ora non ricordo nulla e che forse, per questo, ho letto per niente. Il 10 ottobre è un giorno del cazzo. Immemorabile. Però era il compleanno di uno che conosco che è morto. È un giorno del cazzo lo stesso, temo. Oggi 10 ottobre, ho in programma un paio di sentieri. Niente di che, direte, ma ognuno ha il suo modo di costruire mitologia. Mica si può sempre andare alla conquista di Troia con 700 navi. Pedalare dà il ritmo alle cose, regola il respiro, ti fa stare con te stesso, la natura, la salute… mah. Cazzate secondo me. Pedalare ci fa sentire fichissimi. Delle specie di avventurieri. Degli esploratori dei boschi.
Questo è il punto. E poi c’è la questione del volo. Io non ho mai conosciuto un uomo delle caverne. Neanche uno del medioevo, anche se ricordo bene il film "Il nome della rosa" e ho letto Ivanhoe – uno dei libri più brutti del mondo. Però penso che anche loro abbiamo sempre avuto la fissa del volo. Di staccarsi dal suolo come gli uccelli. E infatti Leonardo disegnò delle macchine volanti. E Icaro, sempre lui, si costruì delle ali di cera. Ma per piacere!
Comunque, il punto è il volo. A me basta poco. Bastano delle ruote e una discesa. Due pedalate con un rapporto lungo. Mi sembra di volare, mi pare che il peso della mia ombra si sollevi dalla mia anima. Basta una curva presa accelerando. Il suolo sotto le ruote si allontana. E poi sparisce. Non lo so quanto costi un’altra vita. Ma so che un single track, un casco in testa e un po’ di coraggio mi fanno sentire altrove e senza ombra. Spendendo molto poco. Non parliamo dei salti poi. Volo per metri. Decine di metri. E atterro sentendo che accelero ancor di più, che il mezzo meccanico mi asseconda. Ma una mtb di fiducia non è solo un mezzo meccanico. Sarebbe come dire che Carla Bruni è solo una donna. O che Ron Jeremy è un tipo coi baffi.
Insomma.
Pedalo ancora più forte. Sento gli altri parlare nel bosco nel tentativo di scattare qualche foto: fa parte della costruzione di una mitologia personale. La mitopoiesi implica infatti una reiterazione, la creazione di una tradizione prima orale – davanti a una birra da Tonetti (come chi è Tonetti?!?) – e poi scritta. Su facebook. Su un forum. Dove non sono ammessi colori spenti, facce tristi, biciclette vecchie, pance sporgenti, dubbi esistenziali, acne o interisti dopo il 5 maggio. Solo eroi. Il mio respiro mi trattiene dallo scomparire, mi ricorda che ho un corpo cui devo rendere conto. Mi è capitato di cadere. Di colpire forte il suolo. In bici intendo, non metaforicamente. Cioè sono caduto anche metaforicamente, ma questa è un’altra storia. Insomma cadere per terra, magari in mezzo ai sassi, fa molto male. Ma soprattutto fa sentire idioti. Dove credevi di andare con quelle cazzo di ali di cera?
Contributo di Andrea "Beppogatto" Benesso

18 commenti:

  1. Ho letto in fretta e non ci ho capinto nientemeno che un cazzo.... rileggerò con più calma, ma la foto l'avevo già nella memory card del mio cervello.
    Li sotto a vedere Beppegatto saltare c'ero anche io!
    TURBO

    RispondiElimina
  2. Beppegatto ti stimo moltissimo nientemeno!

    RispondiElimina
  3. ... ho capito poco, o forse nulla, ma mi piace il sapore che mi ha lasciato in bocca... nientemeno che emozioni.

    RispondiElimina
  4. Mi associo.
    Ma solo perche' Beppogatto e' un grande :-)

    ...perche' altrimenti non ho capito fava.

    Gnap
    (o )Beta

    RispondiElimina
  5. Tara, questo potrebbe essere NIENTEMENO il post che supera "ciclismo responsable" a livello di commenti.
    TURBO

    RispondiElimina
  6. Beppo scrive:
    [.... "Comunque, il punto è che raccontare una storia serve a collegare due punti tra i quali spesso non c’è la famosa retta di euclide, ma c’è invece il nulla. Le storie di bicicletta, di pedali e ancor peggio quelle di mountain bike, non si addicono però alla storiografia e neppure alla cronoca. Per loro serve la mitologia...." ]

    questo mi ha colpito, e su questo ci sarebbe tanto da dire.
    Mitologia, eroi... così ci sentiamo quando in realtà pedaliamo una semplice bicicletta in un semplice bosco...

    RispondiElimina
  7. ho cercato sul dizionario "mitopoiesi"e non c'era. boh....bel racconto!!

    RispondiElimina
  8. http://it.wikipedia.org/wiki/Mitopoiesi

    RispondiElimina
  9. ma dove tirate fuori tutte ste frasi per dire che in bici uno sta bene prima e dopo mi sembra tutto molto complicato da capire savana

    RispondiElimina
  10. dire che in bici uno sta bene e basta è come dire che Mick Jagger è un vecchio

    RispondiElimina
  11. nientepòpòdimeno èpiùbell'ancora!

    RispondiElimina
  12. ah però, meno male che c'è savana!

    RispondiElimina
  13. Io aspetto di sentire cosa pensa Zini!!
    Lui è concreto come Savana ma aggiunge a tutto un folklore terreno ed essenziale.
    Mick Jagger è sicuramente un vecchio.
    Beppegatto non lo conosco ma ha un bel pelo!

    RispondiElimina
  14. tarantola pensa che c'è chi spende soldi in stupefacenti per arrivare dove arrivi tu gratuitamente e naturalmente
    sei un grande
    ringrazio Carletto per la cosiderazione
    ps. Mck Jegger non è vecchio e anche noi non diventeremo mai vecchi se continueremo ad andare in bici con passione e a sparere delle cazzate come facciamo ora
    ciao

    RispondiElimina
  15. Ecco cosa intende Carletto quando parla del "folklore terreno ed essenziale" di Zini.
    TURBO

    RispondiElimina
  16. Siamo nientemeno che mammiferi invidiosi, con le nostre ali di cera........non saremo mai uccelli.

    Ma a volare ci proviamo lo stesso......per poi sentirci idioti.....con le nostre ali di cera.

    Ma ci riproveremo....prima o poi...ci riproveremo.

    bye Chicco

    RispondiElimina