giovedì 18 febbraio 2010

Iditarod

(images courtesy of Sebastiano Favaro)
Se per qualcuno il fascino dell'avventura rimane un desiderio sfiorato, è altrettanto vero che c'è anche chi nell'avventura ci si butta a capofitto. Sebastiano è sicuramente uno di questi. Oggi parte per l'Alaska, e lasciamo che siano le sue di parole a descrivere le intenzioni che lo guideranno tra le nevi. In bocca al lupo Sebastiano per questa grande avventura.

L’iditarod è una gara estrema che si svolge in inverno su ghiaccio e neve. Le temperature possono arrivare a -40 ed è importante non perdersi. I percorsi sono due, uno di 560km che cercherò di portare a termine fino a McGrath e un lungo per veri pazzi di 1800 km fino a Nome. Lungo il percorso corto sei check point dove potersi fermare per dormire e mangiare fermo restando la dotazione personale che comprende tutto il necessario per affrontare una notte sotto le stelle... La partenza si terrà il 28 Febbraio ore 14 di Anchorage, qui in Italia sarà mezzanotte. 50 partenti, 10 nazionalità, i mezzi consentiti sono la bici, gli sci o più semplicemente a piedi.
Sul sito alaskaultrasport.com è possibile seguire la gara in diretta.
Io, la mia bici azzurra e il supporto degli amici le uniche certezze che porterò con me. Ci si sente. A presto.
Sebastiano
biciconducimi.blogspot.com

13 commenti:

  1. divertiti figù!!!

    RispondiElimina
  2. Seba anche se ci sta separando un gap di ottanta gradi centigradi perchè qui siamo intorno ai 40 quasi sempre ,io sto raccogliendo per te dalle mani dei mille bambini che incontro lungo la strada un pieno di buona energia ,che ti faccio arrivare portata dalla brezza che sta salendo ora che siamo al calar del sole...oggi sono arrivata sull'oceano ..così la strada che ci separa è ancor più breve e il vento te la farà avere integra...

    RispondiElimina
  3. ...dopo il messaggio di Au come faccio ora io ?!?

    Seba, che la forza sia con te !

    bye Chicco

    RispondiElimina
  4. Au! comincia a nuotare. Seba un CALDISSIMO abbraccio... temo ne avrai bisogno

    RispondiElimina
  5. Seba..Grande! quando torni ci devi raccontare questa esperienza mitica.

    RispondiElimina