lunedì 15 febbraio 2010

Ibis Hakkalügi

Non è certo degna del miglior bon ton l'ispirazione che ha coniato il nome Hakkalügi.
Pare infatti che derivi da "hack a lugi" che in inglese corrisponderebbe più o meno all'esortazione di tirare uno sputo per eliminare, con molta probabilità, il fango che ci si ritrova in bocca...
D'altro canto il ciclocross non è competizione, freddo e fango?
Ibis Hakkalügi. (foto alta risoluzione)
Photogallery
more info: ibiscycles.com
Ibis in Italia è distribuito da 4guimp.it
Si ringrazia Idita Bike per la collaborazione.

4 commenti:

  1. Ne parlavo giusto ieri con Marcello e lo Zio.... C'é pure il leone... interessante...

    RispondiElimina
  2. Bella e un più per la scelta di componentistica votata anche a valorizzare alcuni marchi Italiani come FRM ed EXTRALIGHT

    RispondiElimina
  3. Vista e piaciuta subito nel primo cx da Zullo. Bella Bella

    RispondiElimina